Mattinata dedicata alle scuole per “Caccia, pesca, natura”, bambini premiati per i disegni su pesci e corsi d’acqua

Nella giornata di chiusura della fiera, anche il report sulla stagione venatoria 2022-23 e la rassegna dei trofei

Attenzione alla risorsa idrica e tutela di fiumi e laghi. E poi un pizzico di fantasia per trasmettere con la matita e i colori quanto appreso a scuola. Sono i pilastri su cui si è basato il progetto “Adotta un corso d’acqua, adotta un pesce” messo in campo dalla Federazione dei bacini di pesca – con Claudio Canova e Filippo Sitran – e appoggiato dalla Provincia di Belluno. Un progetto che ha portato i pescatori a spiegare tra i banchi la loro attività ed è diventato un concorso di disegno rivolto ai più piccoli, chiamati a tratteggiare gli abitanti dei corsi d’acqua. Il concorso ha avuto il clou oggi, a Longarone Fiere Dolomiti, dove da venerdì sono stati esposti i 340 disegni realizzati dai bambini.

IL CONCORSO

Cinque le scuole coinvolte, distribuite su tutto il territorio provinciale (l’istituto comprensivo di Auronzo, la scuola primaria di Calalzo, il comprensivo di Fonzaso, la primaria di Lamon e quella di Sovramonte). Premi per tutti, grazie ai contributi della Provincia di Belluno, dei Bacini di Pesca bellunesi e della Regione del Veneto, e un segnalibro che rappresenta le due specie ittiche più rappresentative dei pesci bellunesi, la trota marmorata e il temolo.

I premi di scuola hanno visto un podio formato nell’ordine da Auronzo, Calalzo e Lamon. Mentre per quanto riguarda le classi, primo premio ex aequo per la 5. di Lamon, la 4. e la 1. di Calalzo, la 3. di Auronzo e la 2. di Fonzaso. Primo premio assoluto al disegno del piccolo Ortiniel di Calalzo, seguito da Giovanni D’Agostino di Fonzaso e Tommaso Bergagnin di Auronzo. 

LA STAGIONE VENATORIA

In fiera durante la mattinata l’ufficio faunistico della Provincia ha presentato il report della stagione venatoria 2022-23, che comprende tutte le 66 riserve alpine di caccia e l’attività di 2.660 cacciatori soci. Attenzione soprattutto agli ungulati, la cui popolazione è stimata in 33.909 unità (13.168 caprioli, 12.265 cervi, 6.805 camosci, 1.671 mufloni). Il piano di prelievo quantificava in 6.544 i capi a disposizione (1.769 caprioli, 3.312 cervi, 794 camosci, 562 mufloni, più 80 daini): è stato raggiunto l’82,6%, in linea con la stagione precedente.

Infine, nel padiglione della “Festa del cacciatore”, sono stati premiati i migliori trofei.

www.longaronefiere.it/caccia-pesca-e-natura

www.facebook.com/caccia.pesca.natura

Condividi
Facebook
WhatsApp
Twitter
Telegram

Iscriviti alla Newsletter!